Esperienza sadomaso trans.

Era un po' di tempo che volevo praticare una esperienza sadomaso con un transessuale. Ero affascinato dal fatto di essere sottomesso da qualcuno e che questo qualcuno avesse un bel cazzo tra le gambe!
Guardando tra gli annunci della mia citta', un giorno trovo quello che sto cercando: una breve inserzione promette indicibili piaceri per mano di una padrona trans.
La contatto con il cuore in gola, le espongo le mie richieste e lei mi invita ad andarla a trovare.
Ci accordiamo per il giorno dopo. Premetto che era la mia prima esperienza del genere e che precedentemente avevo avuto una ragazza che si eccitava quando poteva masturbarmi il culo con qualche oggetto o qualche vibratore, sempre di dimensioni contenute e ben lubrificati!!!
Suono alla porta, Carla, cosi la chiamero' mi apri la porta. Era alta con capelli scuri e lunghi che le scendevano lungo le spalle, un seno appena accennato sotto la biancheria intima ed una espressione da animale predatore.
Mi fece accomodare e concordammo i limiti del gioco. poi mi dissi di andare in camera e cominciare a spogliarmi che lei sarebbe arrivata subito.
Nella penombra della camera vidi molti oggetti, c'era un collare con il guinzaglio, una maschera per coprire gli occhi, cinghie e manette sparse un po' dappertutto.
La mia preoccupazione crebbe quando vidi due falli di gomma appoggiati in piedi sul comodino, uno era nero con una grande cappella ed una asta piena di vene rugose: sara' stato alto 30 cm con una discreta circonferenza, almeno 12/14 cm nella parte alta, mentre l'altro era piu' sottile ma molto piu' lungo.
In quel momento lei rientro', indossava una minigonna nera in pelle con un reggiseno sempre nero e scarpe con il tacco alto. Aveva un piccolo frustino nella mano. Mi disse"Oggi sarai il mio schiavo, ti potro' fare tutto quello che voglio, spogliati".
Se sarai un bravo schiavo, aggiunse, ti permettero' di leccarmi il cazzo ed il buco del culo.
Mi fece indossare la maschera e dal quel momento il fatto di non poter vedere, ma di sentire e toccare mi fece eccitare ed i miei pensieri correvano ai mostruosi cazzi pronti sul comodino.
"In ginocchio", mi ordino' "comincia a leccarmi le scarpe troia", cosi feci ed alla cieca con l'aiuto delle mani raggiunsi i suoi piedi, cominciando un lavoro di saliva sulle scarpe nere e lucide. Mi trovavo a culo per aria e mentre continuavo a leccare uncolpo di frustino mi raggiunse sul sedere, sobbalxzai, non tanto per il colpo, ma per il fatto che non vedendo nulla , la sorpresa fu totale.
per qualche minuti continuai a leccarle lescarpe e lei continuo' a darmi dei leggeri colpi di frustino sul culo, non erano dolorosi ma dopo un po' comincio' a bruciarmi il fondoschiena.
"Ora in piedi " mi ordino' all'improvviso, "voglio saggiare il tuo culo, vedere quanto sei aperto". Il pensiero corse ai cazzi e cominciai ad implorare di non sottopormi a quella prova, ma lei di rimando, mi rise in faccia e con una forza che non mi sarei aspettato mi spinse sul letto.
Mi forzo' ad indossare il collare e pio tramite cinghie e lacci mi fecee assumere una strana posizione:mi trovavo con le mani incatenate vicino al collo ed a loro volta agganciate con delle catene a delle fasce di cuoio strette intorno alle cosce, mi trovavo quindi sulla schiena con mani e gambe piegate sul torace bloccate!!! Per evitare ogni tentativo di resistenza carla mi lego' una barra di ferro con lacci all'altezza delle cosce, in modo che non potessi chiudere le gambe. Ero immobilizzato alla sua merce' con il buco del culo esposto ad ogni possibile offesa!!!
La posizione non era scomoda, ma sentivo che il buco del culo era divaricato e questo da una parte mi piaceva e dall'altra mi spaventava.
"Sei pronto rottoinculo?" La sua voce eccegghio' di fronte a me. "No, perfavore" le dissi "Non con quel cazzo enorme!". "Sarai tu stesso a chiedermi di infilartelo su per il culo quando ti avro' lavorato bene", rise.
Qualcosa forzo' il mio sfintere, sussultai, era il suo dito che si faceva strada, facilmente, nel mio culo. "Vedo che ne hai presi di cazzi, non avrei da lamentarti allora!", cosi dicendo rise ancora ed affondo' un altro dito nel buco, poi un terzo. Cominciavo a sentire un po' di dolore e la mia mente fantasticava su quello che stava per farmi, ero eccitato.
Mosse le dita dentro di me, avanti ed indietro, estaendole e ributtandole dentro fino in fondo, io cominciavo a gemere ed ad apprezzare! Poi restrasse le dita e mi disse " Hai il culo slabbrato come quello di una vecchia troia, penso che ti fara' piacere sapere che sei pronto per il grande nero, non voglio neanche perdere tempo con l'altro" Comincia a sudare, ma sapevo che aveva ragione, volevo essere riempito da quella bestia, sentirmi sfondato da quel mostro. Le chiesi solo di usare molta crema, di rimando si sputo sulle dita e me le reinfilo' nel culo dicendo "Ti lubrifichero' solo con la mia saliva, ti dovra' bastare, piccola troia".
Mi rilassai, la sentivo sputare sul gigantesco cazzo e mi preparai a riceverlo.
Non so come fece, ma tra dolori indicibili, pause prolungate, lacrime d di dolore riusci nel giro di 15 minuti a far entrare l'enorme cappella. ero esausto e le chiesi di non continuare. Di rimando mi sali sopra e comincio a mordicchiarmi i capezzoli, andai in estasi, la troia nel frattempo con il ginocchio spingeva quel cazzo dentro di me!!! Mi mordeva i capezzoli e dava un colpo di ginocchio, la iplorai di fare piano, mi morse ancora ed ancora 1 cm di cazzo su per il culo. Stavo quasi male, avevo paura che potesse rompermi qualche capillare o qualche tessuto.
Arrivo' a meta' e mi disse" sei sata brava piccola troia, ora avrai il piacere di leccare la tua padrona." Mi slego ma lascio il cazzo dentro di me, facevo fatica a muovermi per il senso di pienezza e per il dolore. Carla si mise seduta su una poltrona con le gambe sui braccioli, alzo la gomma e mise in mostra un perizoma nero di pelle con la cerniera davanti, lo scosto e mise il nostra il suo cazzo, parzialmente eretto ed il suo buco del buco, era completamente depilata. "Ora lecca la tua padrona, comincia del culo.' Mi misi a 4 zampe ed esegui. La troia non si era lavata ed un forte profumo di maschio e di urina colpi le mie narici, eccitandomi. Mi prese la testa e la spinse sul suo cazzo ormai eretto, io mi stavo masturbando come un folle, stavo per venire, a quel punto Carla mi disse :"sborrati su una mano e poi passa il seme sul mio cazzo e ripulisci tutto con la lngua". A quelle parle sborrai come un cammello e raccogliendo la sborra la feci colare sul suo splendido cazzo, Mi rituffai su di lei e ripulii tutto in pochi secondi.
Questa e' stata la prima esperienza con Carla alla quale ne sono seguite altre sempre eccitatanti ma mai cosi dolorose.

Vota la storia:




24/10/2012 07:31

slave

Mi piacerebbe avere esperienze bdsm e dominazione a reggio calabria, purtroppo e' difficile trovare persone aperte mentalmente... Qualche dritta?

24/08/2005 15:40

Assodicuori

Anche sono interessato ad un esperienza del genere, qualcuno sa consigliarmi qualche trans?

22/02/2013 23:04

Mary

Bellissima avventura, anch'io realizzai un mio sogno con un trans, caddi in ginocchio ai suoi piedi e con il grande uccello in bocca gli chiesi di pisciarmi in bocca,mi riempí di urina ma non ebbi il coraggio di berla allora lei mi disse di le Carla sul pavimento e come un cagnolino ubbidii

19/08/2005 22:23

simone brilli

sono un ragazzo di firebnze che non mi riesce a trovare un padrone o una padrona che mi faccia un bel lavoretto come ha fatto a questo ragazzo con un cazzo di grossime dimensioni. e' bellissimo essere sfondato da dei cazzoni grossi anche per dei culi che all'inizio non e' facile essere penetrati da oggetti grossi

18/09/2005 15:51

...

._.

18/03/2006 16:18

cazzo

beato te. anch'io voglio farmi frustare ed inculare da una trans

15/12/2005 01:52

Peppeanto

davvero una bella storia, vorrei provare qualcosa di simile ma senza esagerare con le dimensioni, uno naturale andrebbe benissimo...

13/10/2005 15:10

Fucker

froci dannati...

10/02/2013 18:16

marcello

mi è piaciuto, mi ha fatto eccitare. un'esperienza del genere piacerebbe anche a me. so che mi farebbe male, che sentirei dolore, che mi sentirei aprire, spaccare, il buco e poi dentro, questo oggetto che mi riempirebbe il culo..... eppure un po' lo desidero. come una troia. letteralmente, che mi

08/05/2013 15:49

giovanni

fortissimo! Come si fa ad avere quell'indirizzo?

02/11/2005 12:11

stefano

veramente una bella esperienza mi piacerebbe anche a me il mio culo godrebbe sicuramente ha già ricevuto una mano intera

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!